Horror vacui

Horror vacui
“Hai visto?”, dice. “Ne han fatta un’altra“. Chi? Dice: “Quelli là, quelli del CICAP. Brutta gente”. Uh? Dice: “Fanatici razionalisti”. Ussignur, che c’è di male a essere razionalisti? Dice: “Non si può”. Ah, no? “No”, dice. “Ché si perde tutta la poesia”. Non capisco. “Ma sì, la poesia della realtà”, dice. Continuo a non capire. Dice: “Ma scusa, se quelli là verificano tutto…”. Embé? “…se verificano tutto”, dice, “dove finisce lo sguardo incantato?”. Cominciano a girarmi. Che c’entrano lo sguardo incantato e la poesia e…? Dice: “C’entrano eccome! Tu guardi le stelle e pensi che influenzano la tua vita… il macrocosmo e il microcosmo si toccano attraverso le energie sottili… e ti senti parte del Tutto e…”. Stronzate.
Tratto da Stukhtra.
free instagram followermake up wisudamake up jogjamake up prewedding jogjamake up wedding jogjamake up pengantin jogjaprewedding jogjaprewedding yogyakartaberita indonesiayogyakarta wooden craft

"I mangiatori di patate", di Vincent Van Gogh

Ho sempre pensato che la conversazione languisse un po', a questa tavola.

One Response to “Horror vacui”

  1. Come posso ignorarla?
    Talmente ben scritta, ironica e con la leggerezza di una conversazione tra amici che allegramente si bevono del Rhum che..
    l’ho adorata!
    Grazie della citazione, hai parole troppo buone per una persona che non fa altro che raccogliere e postare frasi dette da altri, per quanto meravigliose e geniali.
    Sono d’accordo con te quando dici “…frustrato perché ti sembra che Wilde, Twain, Churchill e compagnia cantante abbiano detto tutto quello che c’era da dire…”…è esattamente il modo in cui mi fanno sentire ogni giorno questi illustri cadaveri.
    E sai perchè?
    Perchè anch’io scrivo, o almeno ci provo, è l’unica valvola di sfogo per questa pentola a pressione che porta il mio nome. (ho infatti un’altra Pagina su FB, una raccolta di scritti molto più intima, conosciuta da pochi).
    Ma non sempre..ho qualcosa da scrivere. Spesso non trovo le parole. Così leggo, tanto e di tutto, e capita di trovare un pensiero stampato da qualche parte, un pensiero che riconosco subito come mio ma che qualcun altro ha avuto e ha partorito per me.
    Così magari l’ispirazione mi torna, anche se più spesso la trovo in emozioni o accadimenti miei e solo miei.
    Grazie ancora, non aver paura del vuoto, anche lui fa parte del tutto…se non ci fosse lui, non ci sarebbe nemmeno il “pieno”
    🙂

Leave a Reply